logo elabo bianco 20 anni

Il 31 dicembre 2022 segna il capolinea per tutte le schede di sicurezza (SDS) non conformi alle nuove regole europee sul rischio chimico. Come abbiamo visto in un precedente articolo, il 18 giugno 2020 è stato pubblicato il regolamento della Commissione Ue n.878/2020¹ che ha modificato l’allegato II al Reach. Composizioni e informazioni sugli ingredienti, proprietà fisiche e chimiche, informazioni tossicologiche e proprietà ecologiche: questi sono gli ambiti in cui da gennaio vi saranno delle modifiche per le SDS.

Nuove prescrizioni e sanzioni per chi non è in regola

Iniziamo subito dando uno sguardo alle novità che interesseranno le SDS e alle coordinate temporali. Il regolamento europeo introduce:

Il nuovo regolamento è entrato in vigore il 16 luglio 2020. Dal gennaio 2021 si è iniziato ad applicarlo. Il 31 dicembre di quest’anno rappresenta il termine ultimo per poter fornire SDS non conformi alle nuove regole. Dopodiché, al termine del regime transitorio, s’incorrerà in sanzioni se le schede di sicurezza non saranno aggiornate.

LEGGI ANCHE: Nuovo servizio di consulenza REACH CLP e rischio chimico

Quando è necessario fornire le SDS?

Questa novità importante in materia di SDS ci dà modo di fare un veloce riepilogo, sempre prezioso, sul tema schede di sicurezza. In particolare, quali sono i criteri che definiscono l’obbligatorietà della fornitura di una SDS? A dare queste informazioni è il documento contenente gli orientamenti sulla compilazione delle schede dati di sicurezza² elaborati dall’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA), con riferimento all’Allegato II del regolamento REACH. Nello specifico, è obbligatorio fornire una SDS quando una sostanza:

Il paragrafo 3 dell’articolo 31 del regolamento REACH specifica, inoltre, che la SDS deve essere fornita su richiesta qualora una miscela contenga almeno una sostanza che presenta rischi per la salute umana o per l’ambiente. Analogo discorso per sostanze cancerogene o tossiche e per le quali la normativa comunitaria fissi dei limiti di esposizione sul luogo di lavoro. 

LEGGI ANCHE: Scenari di esposizione e valutazione del rischio chimico

SDS
Esempio di scheda di dati di sicurezza, fonte ECHA

Un aggiornamento tempestivo

L’aggiornamento continuo di una SDS non è un mero atto formale: si tratta di un passaggio molto importante. Esistono delle precise circostanze per cui le schede di dati di sicurezza devono essere aggiornate tempestivamente dai fornitori. Nel dettaglio:

LEGGI ANCHE: Schede di sicurezza (SDS): cosa, come, dove, quando e chi

Quali informazioni devono contenere le SDS?

Sono 16 le informazioni (punti) che una SDS deve contenere. La prima è l’identificazione della sostanza e della società che l’ha prodotta. Vi sono poi la classificazione del pericolo, la composizione e le informazioni sugli ingredienti della miscela. Vengono indicate pure le misure di pronto soccorso in caso ci sia un’esposizione accidentale alla sostanza chimica. Ancora, le misure da prendere qualora un incendio coinvolga quella determinata sostanza e/o vi sia una fuoriuscita o dispersione della miscela per ridurre gli effetti avversi. Sono riportate, inoltre, informazioni che riguardano, tra gli altri:

Oltre a questi punti, la SDS riporta anche considerazioni sullo smaltimento della sostanza, su come essa deve essere trasportata e sulla legislazione in materia di sicurezza, salute e ambiente.

Siamo a tua disposizione
per fornirti tutte le indicazioni necessarie per essere in regola con il REACH
e verificare l’adempimento di tutte le norme sul rischio chimico.
Contattaci per ulteriori informazioni o per richiedere un sopralluogo gratuito.

NOTE

¹ Per approfondire: Regolamento (UE) 2020/878 della Commissione 

² ECHA, Orientamenti sulla compilazione delle schede dati di sicurezza

³ Scopri di più nella Candidate List aggiornata

Novità in materia di valutazione del rischio. In particolare, sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti dall’esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni. È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale Europea la direttiva (UE) 2022/431¹ che rimette ulteriormente mano alla 2004/37/CE. L’atto normativo modifica alcuni valori limite di diverse sostanze pericolose come piombo e nichel. Vengono, inoltre, introdotte le sostanze tossiche per la riproduzione nel campo d’applicazione della direttiva. Facciamo il punto sulle principali indicazioni e novità introdotte.

LEGGI ANCHE: Scenari di esposizione e valutazione del rischio chimico 

Focus sulle sostanze tossiche per la riproduzione

Una delle novità sta già nel titolo della direttiva (UE) 2022/431. Accanto agli agenti cancerogeni e mutageni, vengono infatti introdotte le sostanze tossiche per la riproduzione. Si tratta di composti o miscele che corrispondono ai criteri di classificazione come sostanze tossiche per la riproduzione di categoria 1A o 1B del regolamento (CE) n. 1272/2008. Questi agenti sono ritenuti responsabili di effetti nocivi sulla funzione sessuale e sulla fertilità di uomini e donne. Viene fatta una distinzione tra:

Proseguendo nell’analisi delle novità, tra gli agenti chimici sottoposti a modifica dalla nuova direttiva (UE) 2022/431 troviamo il benzene. Parallelamente, vengono aggiunte diverse sostanze tossiche per la riproduzione, ponendo, dove presente, un valore limite di esposizione. Tra queste: composti del nichel, mercurio, bisfenolo A e monossido di carbonio.

LEGGI ANCHE: Idrogeno solforoso: un nemico insidioso (ma non invincibile)

Da qui al 2024: come verrà recepita in Italia la direttiva (UE) 2022/431

La direttiva (UE) 2022/431 è in vigore dallo scorso 5 aprile. Gli Stati membri, tra cui l’Italia, hanno due anni di tempo, fino al 5 aprile 2024, per recepire l’atto normativo. Da questo punto di vista, è opportuna una considerazione. Nel panorama normativo italiano, infatti, la valutazione del rischio per lavoratori esposti a sostanze tossiche per la riproduzione ricade nel Capo I del Titolo IX del D. Lgs. 81 del 2008. Diversamente dagli agenti cancerogeni e mutageni, che ricadono nel Capo II dello stesso Titolo IX.
A oggi non è chiaro come verrà recepita la direttiva (UE) 2022/431 nel nostro Paese. Potrebbe essere accorpata interamente nel Capo II del Titolo IX, assieme alle sostanze cancerogene e mutagene, oppure rimanere nel Capo I. Per capire quale sarà l’impatto in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro è necessario, dunque, attendere il recepimento nazionale, previsto, appunto, nell’arco del prossimo biennio.

LEGGI ANCHE: Spazi confinati: valutare il rischio per prevenirlo

Cosa devono fare le aziende

In attesa di capire come verrà recepita in Italia la nuova direttiva (UE) 2022/431, il tema offre già ora lo spunto per un approfondimento. Nello specifico, circa le azioni che aziende e datori di lavoro devono mettere in pratica.
Da questo punto di vista, va sottolineato che la logica prevenzionistica per i lavoratori esposti a sostanze tossiche per la riproduzione segue quella già presente per gli agenti cancerogeni e mutageni. Le nuove condizioni previste dalla direttiva (UE) 2022/431, per quanto tecnicamente possibile, devono includere:

Scopri il nostro corso
per rappresentante lavoratori sicurezza (RLS)

Formazione, mappatura dei prodotti e SDS aggiornate

C’è dell’altro. E ci riguarda da vicino. È, infatti, necessario che i lavoratori ricevano una formazione adeguata e sufficiente. Ciò per capire se sono o possono essere esposti ad agenti cancerogeni, mutageni o tossici per la riproduzione. Al fine di fare chiarezza sull’uso e sui rischi connessi alla manipolazione di queste sostanze, è fondamentale adottare misure per aiutare dipendenti e datori di lavoro a riconoscerle.

Per valutare la gestione, consigliamo di iniziare a mappare i prodotti utilizzati in azienda. Questo al fine di individuare quelli che contengono sostanze presenti nell’allegato III della direttiva (UE) 2022/431. E attenzione alle SDS: ricordiamo, infatti, che, i nuovi limiti di esposizione devono essere riportati nelle schede di dati di sicurezza dei prodotti aziendali. Ciò in virtù del Regolamento n. 878 del 2020.

NOTE

Foto di copertina: fonte Freepik

¹ Per approfondire: Direttiva (UE) 2022/431 del Parlamento europeo e del Consiglio.

Il regolamento europeo UE N.895/2014 ha classificato la formaldeide come sostanza cancerogena ma quali sono gli ambienti lavorativi con le maggiori esposizioni a questa sostanza? Un documento della Regione Lombardia può aiutarci a fare un po’ di ordine e a dare qualche consiglio utile parlando di questa sostanza.

Ambito Sanitario

Questo è senza dubbio l’ambiente in cui la formaldeide è più utilizzata. Viene impiegata per alcuni processi connessi agli interventi chirurgici o alla conservazione dei tessuti.

Per quanto riguarda le sale operatorie il documento sottolinea che data la scarsa quantità di sostanza con cui il personale medico entra in contatto, l’esposizione non è da considerarsi pericolosa ma ne viene comunque raccomandata la manipolazione sotto cappa o sistema aspirante.

Più complicata è invece la situazione delle cosiddette sale di riduzione (dove vengono trattati campioni bioptici e chirurgici). Qui l’esposizione a sostanze derivate dalla formaldeide è considerevolmente più elevata. Infatti è necessario che il personale addetto sia dotato di protezioni individuali e che venga effettuata una sorveglianza sanitaria più frequente rispetto ad altri ambienti.

Lavorazione del legno

Qui le sostanze a base di formaldeide sono utilizzate nelle resine ureiche per la produzione di pannelli. A causa di alcuni fenomeni chimici la formaldeide viene continuamente liberata nell’aria dalla stessa resina. Il problema è stato già notato infatti il mercato del legno ha da qualche anno introdotto una classificazione dei prodotti in base alle loro emissioni di formaldeide.

Fonderie di ghisa

La pericolosità risiede nelle resine fenoliche. Queste possiamo trovarle sotto varie forme come polvere, scaglie o solide ma le più diffuse sono le resine liquide. Sono utilizzate in parecchie fasi della lavorazione e quindi comporta un’esposizione più prolungata.

Settore metalmeccanico

Gli oli lubrificanti sono uno dei prodotti derivati dalla formaldeide che più utilizziamo nelle fabbriche. Trovano spazio in moltissime fasi come il taglio, la tranciatura, la fresatura, la tornitura.

Occorre insomma prestare un’attenzione maggiore soprattutto in questi ambiti produttivi in attesa, speriamo, di regolamenti più specifici. Nel frattempo, vi consigliamo di effettuare dei campionamenti ambientali per valutare l’eventuale presenza e concentrazione di tale sostanza cancerogena.

 

e_labo fornisce servizi di consulenza al fine di valutare l'esposizione dei lavoratori ad agenti chimici, cancerogeni e biologici, attraverso una attenta analisi del rischio.

Siamo in grado di supportare la vostra organizzazione a trovare le soluzioni di adeguamento e miglioramento più opportune per le seguenti fasi :

Scopri di più su e_labo.it

E_LABO SRL
Via dell’Industria 48/C int.1 - 36071 Arzignano (VI)
C.F. e P.IVA IT 03093450249 | REA VI - 298371
Tel: 0444 478406 | E-mail: e-labo@e-labo.it
Created by Hassel Omnichannel
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram