logo elabo bianco 20 anni

Il contributo aggiuntivo Fondimpresa è uno strumento pensato per dare alle piccole e medie imprese maggiori possibilità di utilizzare il proprio Conto Formazione, le cui risorse sono proporzionali al numero dei dipendenti.
Con l’Avviso 2/2019 Fondimpresa ha stanziato un contributo aggiuntivo di 20 milioni di euro per la realizzazione di piani formativi aziendali o interaziendali rivolti ai lavoratori delle PMI aderenti.
Fondimpresa è un fondo interprofessionale, ovvero un organismo di natura associativa (di cui abbiamo parlato in un precedente post) il cui scopo è quello di rendere accessibili alle aziende attività di formazione dirette ai lavoratori. 

Progetti finanziabili con il contributo aggiuntivo Fondimpresa

Tramite il contributo aggiuntivo Fondimpresa sono finanziabili i corsi di formazione di qualsiasi tipo. Da questi è, però, esclusa la formazione obbligatoria. Ogni piano dovrà prevedere la presenza di almeno 5 allievi in formazione per almeno 12 ore.

Il contributo aggiuntivo Fondimpresa finanzia piani formativi sia aziendali sia interaziendali. Anche su ambiti multi regionali. Tra gli altri, è possibile presentare progetti che prevedono corsi su:

Come procedere

Per poter accedere al contributo aggiuntivo Fondimpresa è necessario essere iscritti a questo fondo interprofessionale e possedere le credenziali. Si tratta di una procedura complessa, che possiamo portare a termine per vostro conto, dietro delega. Per ulteriori informazioni contattaci.

La presentazione delle domande per usufruire di Fondimpresa sarà consentita dalle ore 9:00 del 17 febbraio 2020 fino alle ore 13:00 del 20 aprile 2020 (click day). I fondi saranno assegnati fino ad esaurimento. L’attivazione del piano formativo deve partire dal 17 gennaio 2020.

Importi previsti

Il contributo aggiuntivo Fondimpresa è concesso ai piani aziendali o interaziendali presentati sul “Conto Formazione” per un importo compreso tra 1.500 e 10.000 euro per azienda, nel rispetto dell’intensità massima consentita in base al regime di aiuti applicato e sulla base del maturando iniziale dell’anno in corso su tutte le matricole del Conto Formazione aziendale.

Informazioni sul contributo aggiuntivo Fondimpresa

Il contributo aggiuntivo Fondimpresa non prevede in nessun caso l’utilizzo dei voucher formativi. Inoltre, è richiesta alle PMI interessate la presenza di un saldo attivo sul proprio Conto Formazione, risultante dalla somma degli importi effettivamente disponibili su tutte le matricole INPS per cui l’azienda ha aderito al Fondo (somma degli importi della voce “Disponibile” su tutte le matricole del conto aziendale).

Le aziende devono aver maturato sul proprio Conto Formazione un accantonamento medio annuo, al lordo degli eventuali utilizzi per piani formativi, non superiore a euro 10.000,00

Dal contributo aggiuntivo Fondimpresa è esclusa anche l’attività formativa organizzata per conformare le imprese alla normativa nazionale obbligatoria in materie sicurezza sul lavoro

Possono beneficiare di tale contributo esclusivamente le PMI in possesso dei requisiti dell’Avviso che:

Tempistiche del piano formativo

Le attività formative dovranno essere avviate entro 30 giorni dalla notifica di autorizzazione.

Qualora l’azienda abbia necessità di realizzare con urgenza le azioni formative del Piano, può avviare le attività sotto la propria responsabilità anche subito dopo la presentazione del

piano tramite l’apposita funzionalità “Avvio anticipato”. In tal caso, l’azienda dichiara di essere consapevole che, in caso di esito negativo dell’istruttoria, nulla potrà richiedere a Fondimpresa a titolo di finanziamento del Piano stesso.

Fondimpresa provvede all’annullamento del Piano, le cui spese restano interamente a carico dell’Azienda titolare, nel caso in cui non siano pervenute le integrazioni richieste entro i termini previsti e per scadenza dei 180 giorni di durata massima del piano senza azioni formative svolte e valide.

Il contributo aggiuntivo Fondimpresa sarà concedibile in “regime de minimis” o in 651/2014, al netto di eventuali importi afferenti al maturando impegnato a preventivo e non rendicontabili in quanto non maturati a consuntivo, nel rispetto dei tempi massimi al fine della rendicontazione del piano.

Contattaci per accedere al contributo aggiuntivo Fondimpresa. Ci trovi ad Arzignano in provincia di Vicenza.

Foto di 3D Animation Production Company da Pixabay

Sicurezza sì, ma con brio. E_labo, società di formazione e consulenza per salute e sicurezza sul lavoro, privacy e ambiente ha lanciato “Safety Hour”. Quattro seminari gratuiti, tra ottobre e novembre, su temi di attualità per tutte le aziende piccole e grandi. Incontri che si concluderanno con un momento conviviale, a dimostrazione che la cultura della sicurezza non significa solo formalismo e burocrazia. L’appuntameno è sempre dalle 17 alle 19 nella sede di e_Labo in via dell’Industria, 48/C ad Arzignano.

Si comincia l’11 ottobre 2019 con i “Vantaggi dell’adozione di Sistemi di Gestione basati su norme ISO”. L’obiettivo dell’incontro è far capire come il controllo di processi e adempimenti migliori anche la solidità delle relazioni con clienti e fornitori.

Il secondo incontro si intitolerà “Modello Organizzativo 231/01” e si terrà il 17 ottobre. Verrà descritto l’iter per un’efficace adozione e implementazione di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo e i vantaggi connessi.

Il 24 ottobre 2019 si terrà l’incontro “Trasporto su strada: ADR edizione 2019”. Intende fornire una panoramica dei principali cambiamenti normativi sulla movimentazione di merci pericolose, compresi aspetti relativi alla preparazione dei carichi.

L’ultimo seminario si terrà il 7 novembre 2019 e si intitolerà “Bandi, Fondi interprofessionali e altre opportunità di finanziamento”. Saranno illustrate le possibilità di finanziamento per interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro e formazione tramite la partecipazione a bandi e concorsi o attraverso il ricorso a fondi interprofessionali.

È richiesta la conferma della partecipazione via mail all’indirizzo e-labo@e-labo.it

Scarica il programma dettagliato. Per ulteriori info contattaci.

SEMINARI-GRATUITI-2019-rev

I fondi interprofessionali sono organismi di natura associativa il cui scopo è quello di promuovere attività di formazione dirette ai lavoratori. Essi ricevono dalle aziende iscritte 0,3% del contributo INPS e lo ritornano attraverso l’erogazione di formazione . Nati con la Circolare Inps 107-2009, i fondi interprofessionali in Italia sono oggi circa 20 in rappresentanza dei differenti settori economici.

Vantaggi dei fondi interprofessionali

I fondi interprofessionali presentano numerosi vantaggi per le aziende che ne usufruiscono. Tra questi ci sono:

Come aderire

L’Adesione ad un Fondo è volontaria e revocabile. Può avvenire unicamente tramite la denuncia aziendale mensile del flusso UNIEMENS. Grazie a questa procedura il datore di lavoro non dovrà fare alcun calcolo. Dopo l’adesione, infatti, sarà l’Inps a determinare mensilmente le risorse delle imprese aderenti da destinare al Fondo (per esempio, nel caso in cui dovesse variare il numero dei lavoratori dipendenti dell’impresa). È inoltre possibile, con alcune limitazioni, la mobilità tra fondi.

Come avviene il finanziamento

I fondi interprofessionali finanziano le aziende con tre modalità:

Credits: katemangostar - it.freepik.com

E_LABO SRL
Via dell’Industria 48/C int.1 - 36071 Arzignano (VI)
C.F. e P.IVA IT 03093450249 | REA VI - 298371
Tel: 0444 478406 | E-mail: e-labo@e-labo.it
Created by Hassel Omnichannel
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram