e_labo blog logo bianco

Scadenza OT23 in vista: domande entro fine febbraio per l’accesso ai contributi INAIL 2024

Torniamo a parlare di OT23. Si avvicina la scadenza per compilare il modulo per la domanda di accesso ai contributi INAIL OT23 2024¹. Appuntamento fissato il 29 febbraio 2024.
Questa agevolazione premia coloro che attuano miglioramenti nelle condizioni di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro, oltre a quelli già stabiliti dalla legge. Facciamo un recap di tutte le informazioni più importanti in vista della scadenza OT23. 

Come presentare domanda prima della scadenza di OT23 

Tutte le imprese possono presentare la domanda per OT23, indipendentemente dall'anzianità dell’attività. Ciò a condizione che dispongano di almeno una posizione assicurativa territoriale (PAT) e abbiano implementato gli interventi migliorativi nell'anno precedente a quello di presentazione della richiesta.
Nel caso specifico del modello OT23 per il 2024, l’anno di riferimento è il 2023. Per ottenere la riduzione, l’azienda deve compilare e inviare il “Modulo per la riduzione del tasso medio per prevenzione” esclusivamente per via telematica, utilizzando la sezione Servizi Online sul sito dell’INAIL. Sia l'azienda, sia l’Istituto hanno il diritto di richiedere o fornire ulteriore documentazione al fine di verificare le informazioni dichiarate nel modulo. Quest’anno, come ricordato in precedenza, la scadenza è fissata il 29 febbraio 2024.

LEGGI ANCHE: Quanto posso risparmiare con il modello OT23 2024?

Di cosa si tratta OT23 e quanto si risparmia

Ogni impresa ha l’obbligo di versare annualmente all'INAIL un premio assicurativo a tutela dei propri dipendenti contro infortuni e malattie professionali. Questo premio è calcolato in base al livello di rischio associato al lavoro svolto all’interno dell'organizzazione.
La normativa prevede agevolazioni mirate a ridurre gli importi dovuti all’INAIL. Per questo, annualmente (di norma, a inizio agosto) viene reso disponibile il modulo di domanda per la riduzione del tasso medio di tariffa per la prevenzione. Grazie all'art. 23 delle modalità per l'applicazione delle tariffe dei premi, le imprese possono ottenere un risparmio sul proprio premio assicurativo. Questo beneficio è, però, riservato solo alle aziende che dimostrano di aver adottato degli interventi di miglioramento indicati nel modulo OT23. Nei primi due anni di inizio di attività della PAT (posizione assicurativa territoriale), la riduzione ha una misura fissa dell’8%. Passato il biennio:

  • fino a 10 lavoratori, si ha una riduzione del 28%;
  • da 10 a 50 lavoratori, la riduzione è del 18%;
  • da 50 a 200 lavoratori la riduzione è del 10%;
  • oltre i 200 lavoratori la riduzione è del 5%.

L’importanza di queste agevolazioni non si limita al solo aspetto economico, per quanto cruciale. Secondo gli ultimi dati, il Return on Prevention (ROP), cioè il ritorno sull'investimento in sicurezza e prevenzione da malattie e infortuni, è pari a 2.2. In altre parole, ogni euro speso per la salute e la sicurezza sul lavoro genera un valore più che doppio.

LEGGI ANCHE: Investire in sicurezza conviene: un euro ne genera due 

Interventi migliorativi e punteggi 

Ricordiamo che, per ottenere i benefici destinati alle aziende meritevoli, l’INAIL struttura gli interventi in diverse sezioni. Nello specifico:

  • A, focalizzata sulla prevenzione degli infortuni mortali non stradali;
  • B, dedicata alla prevenzione del rischio stradale;
  • C, incentrata sulla prevenzione delle malattie professionali;
  • D, riguardante formazione, addestramento e informazione;
  • E, relativa alla gestione della salute e sicurezza e alle misure organizzative;
  • F, orientata alla gestione delle emergenze e all'uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI).

Ciascun intervento è valutato con un punteggio che varia da un minimo di 40 a un massimo di 100 punti. Affinché un'azienda possa beneficiare della riduzione, è necessario che abbia implementato interventi migliorativi tali da raggiungere un punteggio complessivo di almeno 100. Questo punteggio viene calcolato separatamente per ciascuna posizione assicurativa territoriale (PAT). Nel caso in cui un’impresa ne detenga più di una, è essenziale che gli interventi migliorativi effettuati su tutte le PAT sommino un punteggio minimo di 100.

LEGGI ANCHE: Prevenzione sul lavoro: che cos’è e come si attua concretamente in azienda 

Pubblicato il nuovo bando ISI 2023

Intanto, mentre si avvicina la scadenza di OT23, a fine dicembre Inail ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo bando ISI 2023², che sarà attivo a partire dal prossimo mese di febbraio.
L'obiettivo del bando ISI è incentivare la sicurezza sul lavoro e sostenere le micro e piccole imprese nel settore della produzione primaria agricola nell’acquisto di macchinari eco-sostenibili. Rivolto a imprese e enti del terzo settore in tutto il territorio nazionale, il bando prevede diversi assi tematici, ciascuno destinato a finanziare progetti specifici. I finanziamenti a fondo perduto, con un totale di 508 milioni di euro, coprono progetti con valori compresi tra 5.000 e 130.000 euro, a seconda dell’asset tematico. Le imprese devono presentare progetti volti al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, attraverso l'adozione di tecnologie innovative. I finanziamenti sono suddivisi in diversi assi, tra cui:

  • riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi;
  • bonifica da materiali contenenti amianto; 
  • settori specifici di attività e produzione primaria agricola. 

La partecipazione è aperta a imprese iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura. Le domande devono essere presentate tramite il sito ufficiale dell'INAIL, seguendo le procedure telematiche che inizieranno nel febbraio 2024.

Siamo a disposizione per assisterti in vista della scadenza di OT23 e nell’adozione di interventi che consentano di raggiungere gli obiettivi per la riduzione del premio INAIL.
Per informazioni contattaci.
Ci trovi ad Arzignano, in provincia di Vicenza.

NOTE 

¹ Qui è disponibile il modello di domanda per la riduzione del tasso medio per prevenzione per l’anno 2024 (OT23

² Per saperne di più: Bando ISI Inail 2023

E_LABO SRL
Via dell’Industria 48/C int.1 - 36071 Arzignano (VI)
C.F. e P.IVA IT 03093450249 | REA VI - 298371
Tel: 0444 478406 | E-mail: e-labo@e-labo.it
Created by Hassel Omnichannel
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram