e_labo blog logo bianco

Corso PLE: guida all’uso sicuro della piattaforma lavoro elevabile

Dall’edilizia alla manutenzione industriale, dai cantieri ai capannoni. Sono diversi i settori e i contesti in cui vengono abitualmente impiegate le piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE). Del resto, si tratta di attrezzature imprescindibili quando si tratta di raggiungere altezze considerevoli. Conosciute anche come piattaforme aeree o di sollevamento, il loro utilizzo può comportare diversi rischi per la sicurezza dei lavoratori. Ecco perché è obbligatorio che gli addetti all’uso siano in possesso di una specifica abilitazione, conseguibile attraverso un’apposita formazione: scopriamo le caratteristiche del corso PLE.

Cosa sono le piattaforme di lavoro mobili elevabili

Utilizzata per spostare persone in posizioni di lavoro in quota, la piattaforma mobile elevabile è solitamente impiegata per raggiungere altezze superiori ai due metri rispetto a un piano stabile. Una soluzione in grado di garantire un modo sicuro e pratico per accedere a luoghi elevati o difficilmente raggiungibili. Generalmente composte da una piattaforma di lavoro con comandi, una struttura estensibile e un telaio, queste attrezzature si differenziano in base alla presenza, o meno, di stabilizzatori.

  • Le piattaforme elevabili PLE con stabilizzatori hanno maggiore capacità di manovra da parte dell’operatore e una migliore stabilità rispetto al luogo in cui sono posizionate.
  • Dal canto loro, le piattaforme elevabili PLE senza stabilizzatori consentono di muoversi più agilmente in quota, ma la mobilità della cesta è ridotta rispetto a quella delle piattaforme con stabilizzatori.

Tali piattaforme possono essere utilizzate esclusivamente da operatori in possesso di una specifica abilitazione, conseguita attraverso il corso PLE.

Scopri sul nostro calendario le prossime date dei corsi di formazione e aggiornamento per addetti all’uso di piattaforme di lavoro mobili elevabili
con e senza stabilizzatori.

corso-ple-piattaforme-lavoro-elevabili

Corso PLE: durata e cosa sapere

L’accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012 ha incluso le piattaforme di lavoro elevabili tra le attrezzature per le quali è richiesta l’abilitazione degli operatori. L’utilizzatore della piattaforma, pertanto, è considerato idoneo solo dopo aver conseguito uno specifico corso di formazione teorico e pratico. Nel dettaglio, la durata del percorso formativo è di:

  • 8 ore per gli addetti all’uso delle piattaforme elevabili con stabilizzatori;
  • 8 ore per gli addetti all’uso delle piattaforme elevabili senza stabilizzatori;
  • 10 ore per gli addetti all’uso delle piattaforme elevabili con e senza stabilizzatori. In tal caso, il corso prevede l’attestato per entrambe le piattaforme.

Il corso PLE prevede due moduli teorici, al termine dei quali è prevista una prova intermedia di verifica con test a risposta multipla. Spazio, poi, a una prova pratica di utilizzo della piattaforma. Il corso di abilitazione ha validità quinquennale, da rinnovare con un apposito aggiornamento di almeno 4 ore.

LEGGI ANCHE: Quali sono i corsi obbligatori di sicurezza sul lavoro?

Lavoro sulle piattaforme: il programma del corso

L’obiettivo del corso PLE è garantire che gli operatori siano in grado di operare in modo sicuro e competente, riducendo al minimo il rischio di incidenti e rispettando le normative in materia di sicurezza.
Per fare ciò, il corso è strutturato in una parte teorica e una pratica. Nella prima, divisa in un modulo giuridico normativo (1 ora) e uno tecnico (3 ore), vengono trattati temi che spaziano dalla responsabilità dell’operatore, ai dispositivi di comando e sicurezza, fino ai diversi tipi di PLE. Il modulo pratico, invece, la cui durata varia dalle 4 alle 6 ore a seconda della tipologia di attestato, sarà dedicato a esercitazioni pratiche e manovre di emergenza. Per lo svolgimento della prova pratica, i partecipanti devono indossare gli appositi dispositivi di protezione individuale nonché casco e scarpe protettive oltre all’imbracatura di sicurezza anticaduta.

Modalità di erogazione del corso

Il corso PLE consente di svolgere in videoconferenza solo il modulo teorico. Non è, dunque, possibile svolgere interamente il corso “a distanza”, proprio per la rilevanza della componente pratica per conseguire l’abilitazione. esercitazioni e prove pratiche. Per quanto riguarda l’aggiornamento, il corso può essere svolto anche interamente in aula trattando comunque argomenti pratici. Quindi, si può non svolgere l’effettiva parte pratica sul campo (Rif. CM Circ. 12/2013) e, di conseguenza, l’aggiornamento può tenersi interamente in videoconferenza. Ricordiamo che la normativa prevede che l’aggiornamento abbia una durata di 4 ore, di cui 3 relative ai moduli pratici.

Scopri di più sul corso PLE di e_labo 
e scarica la scheda di iscrizione a uno dei prossimi appuntamenti in programma.

E_LABO SRL
Via dell’Industria 48/C int.1 - 36071 Arzignano (VI)
C.F. e P.IVA IT 03093450249 | REA VI - 298371
Tel: 0444 478406 | E-mail: e-labo@e-labo.it
Created by Hassel Omnichannel
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram